Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito

Ciclo Autunno 2016: Economia sostenibile

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Quale crescita? Le sfide della sostenibilità e dell’equità

La specie umana è da sempre perturbatrice dell'ambiente naturale, ma da un paio di secoli la rivoluzione industriale, che ci dato un benessere mai sperimentato prima, ha anche provocato l'immissione in dosi massicce di inquinanti in atmosfera, nelle acque e nel suolo. Da qualche decennio l'interazione della nostra specie con l'ambiente è divenuta molto più importante per proporzione, per intensità e per velocità.
Abbiamo una fame crescente di energia: per produrre energia, tradizionalmente, bisogna bruciare qualcosa (carbone, petrolio, gas, legna, ecc.) e questa combustione sviluppa gas che fanno male a noi e al pianeta. Consumiamo più risorse naturali di quante la terra è in grado di riprodurre, anche se siamo lontani da un impoverimento catastrofico. E' difficile non cedere allo sfruttamento eccedente: le risorse sembrano inesauribili, ed è socialmente e politicamente difficile moderare le aspettative.
Sta crescendo la consapevolezza che vi sono costi esterni a quelli direttamente produttivi (le cd. "esternalità"), ma non paiono esservi ancora diffusi strumenti di interventi per la loro eliminazione (tale non sembra essere la "compravendita di emissioni" prevista dall'accordo di Kyoto del 1997).
Il riscaldamento globale per la biosfera sarebbe un fenomeno poco rilevante, ma per gli uomini è un serio problema: crescono le probabilità di disastri geofisici e climatici. Tali disastri colpiscono soprattutto i paesi in via di sviluppo, aumentando le disuguaglianze sociali nel pianeta.
All'impoverimento degli ecosistemi (che forniscono alle nostre società servizi essenziali e gratuiti) si aggiunge la crescita della popolazione (raddoppiata dal 1960 al 2000 e in continuo aumento, anche se meno accelerato: nel 2050 saremo almeno 9 miliardi)), concausa di ulteriori squilibri economici e sociali, che alimentano conflitti regionali per le risorse e migrazioni.
Quasi tutti gli economisti, buona parte dei politici e alcuni scienziati appaiono ispirati da un incrollabile ottimismo. E' giustificato? La green economy consente davvero di far emergere i costi "invisibili", cioè ambientali, e proporre soluzioni praticabili universalmente?
Cercheremo di capirne di più nel ciclo autunnale che l'associazione Risorse propone.

* * * * *

La lotta per l'esistenza rappresenta un'eccezione. La regola è la lotta per il potere, per un continuo "più" e un continuo "meglio", per un "più veloce" e un "più spesso".
Friedrich Nietzsche

marzio galeotti

patrizia farina

aldo bonomi enrico ferri
prof. Marzio Galeotti prof.ssa Patrizia Farina prof. Aldo Bonomi prof. Pietro Enrico Ferri
Sviluppo sostenibile: un ossimoro? La questione demografica

La nuova economia tra tecnologia e  bisogni sociali

Instabilità, crescita ed ineguaglianza

Chi siamo

L’associazione culturale “Risorse”, il cui sottotitolo è “per capire meglio l’economia”, intende rispondere a questa crescente aspettativa dei cittadini, che, di fronte a una crisi prolungata, avvertono la necessità di comprendere davvero. Non si tratta quindi di soddisfare soltanto un bisogno puramente culturale, bensì anche vitale.

 

Con le nostre iniziative offriremo un percorso culturale in materia socio economica, rivolto a cittadini non specialisti I tempi ci paiono maturi per rendere più accessibile e “democratico“ il sapere economico. Così potrà uscirne valorizzato anche il senso di “cittadinanza”.

© 2016 RISORSE. All Rights Reserved. Designed By Mauro Manzoni