Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito

Ultimi Articoli

Banca d'Italia - Finanza pubblica: fabbisogno e debito (14 Dicembre 2018)

14 December 2018

Supplementi al Bollettino Statistico | Indicatori monetari e finanziari Finanza pubblica, fabbisogno e debito Leggi l'articolo.

Gallino: se la finanza specula l’industria muore

28 November 2018

di Mauro Ravarinofonte LINKiesta Nel 2005 con L’impresa irresponsabile il sociologo Luciano Gallino analizzava il rovesciamento della concezione olivettiana dell’impresa...

L’Economia al tempo dei social network e il tramonto dei tecnici

28 November 2018

di Guglielmo Forges Davanzatifonte Sinistra in rete La crisi ha comprensibilmente prodotto un aumento considerevole dell’interesse dell’opinione pubblica per l’Economia. Un...

La quiete prima della tempesta

16 November 2018

di Giuseppe Vandai Chi legge i giornali italiani in Luglio e in Agosto ha l’impressione che tutti i giornalisti economici,...

Crescita e moneta unica: il paradosso della politica fiscale

16 November 2018

di Jan A. Kregel La moneta unica europea, proposta originariamente nel Rapporto Werner pubblicato nel 1970, fu introdotta infine nel...

Ricerca

Tante regole in più, ma una nuova Lehman resta possibile

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Autore: Angelo Baglioni
Fonte: lavoce.info

Nonostante il diluvio di regole e le richieste di patrimonio, i rischi nel sistema finanziario sono ancora alti. E il tentativo di riformare la gestione delle crisi si è rivelato un boomerang. Perché è stata minata la credibilità delle nuove norme.

Un diluvio di regole, ma i rischi rimangono.
A dieci anni dal fallimento della banca americana Lehman Brothers, con tutte le conseguenze che ha avuto, viene spontaneo chiedersi se da allora le cose siano migliorate nel mondo della finanza, in modo che disastri di quella portata non si ripetano. La risposta è che è stato fatto molto, ma non sempre nel modo giusto. Nuove regole e nuove autorità non hanno impedito al sistema finanziario di accumulare rischi elevati. Sono stati introdotti strumenti innovativi nella gestione delle crisi, che finora hanno creato più problemi di quanti ne abbiano risolti.
In questi dieci anni, le banche sono state inondate di regole sempre più complesse e dettagliate, che hanno fatto crescere esponenzialmente i costi della compliance, cioè delle risorse che gli intermediari dedicano alla comprensione e al rispetto della regolamentazione. I benefici in termini di sicurezza del sistema ci sono, ma sono piuttosto limitati.
Le autorità hanno posto un’enfasi quasi ossessiva sul patrimonio, imponendo un massiccio processo di ricapitalizzazione del sistema bancario internazionale. Più patrimonio vuole dire maggiore tutela per i creditori delle banche: depositanti e obbligazionisti. Tuttavia, ciò non ha impedito che nel sistema si accumulassero notevoli fonti di rischio. In alcuni paesi, soprattutto il nostro, le banche hanno ammassato un enorme fardello di prestiti deteriorati, che solo di recente hanno cominciato a smaltire. L’esposizione al rischio sovrano, dovuta alla detenzione di titoli pubblici domestici, è tuttora elevata: ancora una volta, il nostro paese è in prima linea.

Continua a leggere l'articolo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chi siamo

L’associazione culturale “Risorse”, il cui sottotitolo è “per capire meglio l’economia”, intende rispondere a questa crescente aspettativa dei cittadini, che, di fronte a una crisi prolungata, avvertono la necessità di comprendere davvero. Non si tratta quindi di soddisfare soltanto un bisogno puramente culturale, bensì anche vitale.

 

Con le nostre iniziative offriremo un percorso culturale in materia socio economica, rivolto a cittadini non specialisti I tempi ci paiono maturi per rendere più accessibile e “democratico“ il sapere economico. Così potrà uscirne valorizzato anche il senso di “cittadinanza”.

© 2016 RISORSE. All Rights Reserved. Designed By Mauro Manzoni